Ricerca la tua struttura

Da*
 
A*
 
Nome struttura
Posti Letto
Località









 
info@viviformentera.com

L'ARCHITETTURA


L'architettura tradizionale di Formentera, che non include i resti preistorici e i moderni villaggi turistici, porta i tratti caratteristici delle popolazioni che vi hanno risieduto a partire dal XVIII secolo. Ciò è soprattutto evidente nelle abitazioni: il tipico paesaggio rurale è punteggiato da case basse costruite in pietra locale intonacata con calce bianca. Molte con il passare del tempo hanno assunto una colorazione giallastra che le rende del tutto integrate e in sintonia con il paesaggio circostante. Tratto distintivo delle abitazioni sono i muri spessi e le aperture strette, un'astuzia che consente a chi vi abita di convivere con le alte temperature estive. Sebbene la maggiorparte di queste costruzioni sia a un solo piano, non è raro trovare agglomerati di edifici adibiti ad uso esclusivamente abitativo nei centri urbani e a uso misto agricolo-abitativo nelle campagne.
Non sarebbe corretto parlare dello stile delle abitazioni di Formentera senza parlare dei muretti a secco che, con la funzione di suddividere le proprietà o più semplicemente di costeggiare i sentieri, percorrono quasi tutta l'isola. Si tratta di semplici muretti a secco costruiti nel corso dei secoli ma che resistono tutt'ora ed essendo composti da pietre locali riprendono ed esaltano i colori del paesaggio circostante..
Un altro importante elemento del patrimonio architettonico dell'isola sono le chiese che grazie al loro intonaco bianchissimo spiccano nel mezzo dei centri abitati o tra i verdi e gli ocra delle colline. Tratti distintivi di queste costruzioni sono: un piccolo portico a uno o tre archi che precede l'ingresso, una nicchia posizionata sulla facciata con inserite tre croci simbolo del Golgota, un piccolo e semplice campanile posto in cima alla facciata principale e sormontato da una croce in ferro.
Ultime ma non meno importanti sono le torri di guardia in pietra visibili lungo tutta la costa. Furono costruite dagli abitanti per proteggersi dalle incursioni dei pirati che erano soliti attaccare l'isola per fare razzia nei porti e nei villaggi. Oggi sono quasi tutte abbandonate e chiuse al pubblico anche se in occasione di eventi speciali vengono utilizzate come punti panoramici.